Home
In primo piano
NEWS N° 360 NOVEMBRE 2016 – FINANZA AGEVOLATA PDF Stampa E-mail

 

Per informazioni rivolgersi a: Alessandro Faletti ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo )

Reggio Emilia, 15 Novembre 2016

CREDITO D'IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO (R&S)

Ø AREA GEOGRAFICA: Territorio Nazionale.

Ø BENEFICIARI: Tutte le imprese, indipendentemente dal settore in cui operano o dalla forma giuridica, sia PMI che Grandi Imprese (con fatturato < 500 mln €)

Ø ATTIVITA AMMISSIBILI: Sono ammissibili progetti ed attività di R&S (innovazione di prodotto/processo/servizio), riconducibili alle seguenti:

- lavori sperimentali o teorici svolti con principale finalità l’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette;

- ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale, ad esclusione dei prototipi di cui al punto seguente;

- realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo è necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione è troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida;

- acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati. Può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi. Tali attività possono comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale;

- produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

Ø SPESE AMMISSIBILI: Sono ammissibili le spese sostenute dal 2015 al 2019, relative a:

a) personale interno altamente qualificato (in possesso di laurea tecnico-scientifica/dottorato di ricerca) impiegato nell’attività di R&S;

b) quote di ammortamento o canoni di utilizzo di strumenti e attrezzature da laboratorio;

c) competenze tecniche (personale NON altamente specializzato) e privative industriali;

d) contratti di ricerca stipulati con Università, enti di ricerca, start-up innovative ed altre imprese.

Spese minime: € 30.000,00 per ciascun periodo di imposta.

Ø AGEVOLAZIONE: Credito d’imposta pari al 50% (25% per le voci di spesa b e c.) delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei periodi d’imposta 2012/2013/2014.

Credito d’imposta massimo: € 5.000.000,00.

Ø SCADENZA: agevolazione rinnovabile annualmente fino all’esercizio 2019

NOTE: Non si considerano attività di ricerca e sviluppo le modifiche ordinarie o periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino miglioramenti.

 

BANDO PER SOSTEGNO ALLA PARTECIPAZIONE A PROGRAMMI RICERCA, INNOVAZIONE, COMPETITIVITA’ 2016 POR FESR

Ø AREA GEOGRAFICA: Provincia di Reggio Emilia.

Ø BENEFICIARI: PMI con sede legale e/o unità operativa all’interno della Regione Emilia Romagna;

Ø ATTIVITA AMMISSIBILI: Interventi finalizzati alla partecipazione delle Imprese Beneficiarie ai processi di innovazione e competitività a valere sui fondi a gestione diretta della Commissione Europea (Horizon 2020).

Ø SPESE AMMISSIBILI:  Spese sostenute con decorrenza  dal 01/02/2016 e nel rispetto delle modalità e delle tempistiche previste dalle linee guida di ogni singola misura relative a costi di consulenza ed assistenza tecnica, riferiti in particolare ad attività di progettazione, redazione e presentazione delle proposte progettuali, a valere sui fondi di cui sopra.

Tipologia di spese ammissibili:
- analisi del contesto e dei fabbisogni dell’impresa;
- sviluppo dell’idea progettuale, analisi di impatto e verifica della sua fattibilità e sostenibilità;
- predisposizione  della proposta tecnica;
- supporto nella definizione del budget individuale e/o complessivo del progetto;
- verifica dei parametri di affidabilità economico-finanziaria dell’impresa (ove richiesta);
- redazione e/o revisione del Consortium Agreement;
- ricerca partner;
- traduzione ed interpretariato. Il costo orario del consulente sarà riconosciuto nella misura massima di Euro 120,00

Ø AGEVOLAZIONE: l contributo riconoscibile è pari al 40% dell’importo complessivo delle spese ammesse (al netto di IVA) e fino al valore massimo di contributo pari a 10.000 Euro. La percentuale di contribuzione è elevata al 50% nel caso in cui l’impresa richiedente risponda ai criteri di impresa femminile e/ o giovanile, fermo restando il valore massimo del contributo erogabile.

Ø SCADENZA: Le domande di agevolazione, corredate dei piani di impresa e della documentazione potranno essere presentate al Soggetto gestore con la modalità Telematica  fino al 30/11/2016.

 

CREDITO DI IMPOSTA AMIANTO

Ø AREA GEOGRAFICA: Territorio Nazionale.

Ø BENEFICIARI: Possono beneficiare del credito d'imposta i soggetti titolari di reddito d'impresa, indipendentemente dalla natura giuridica assunta, dalle dimensioni aziendali  e  dal  regime  contabile  adottato,  che abbiano effettuato o effettuino nel 2016 interventi di bonifica dall'amianto, su beni  e  strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016.

Ø SPESE AMMISSIBILI: Spese relative a rimozione e smaltimento di materiali contenenti cemento amianto e/o amianto in altre forme da beni e strutture produttive, effettuate dal 1.01.2016 al 31.12.2016. Sono ammesse, inoltre, le spese di consulenze professionali e perizie tecniche nei limiti del 10% delle spese complessive sostenute e comunque non oltre  l'ammontare  di  10.000,00  euro  per  ciascun progetto di bonifica unitariamente considerato.

Nota: L’importo unitario minimo di tali spese deve essere uguale o superiore ad € 20.000,00 (inteso come progetto di bonifica unitariamente considerato), ed un importo massimo di € 400.000,00 (anche per più progetti di bonifica intrapresi dalla stessa impresa).

Ø AGEVOLAZIONE: Credito pari al 50 % delle spese sostenute da utilizzare esclusivamente in compensazione in 3 quote annuali di pari importo.

Ø AVVIO: L’invio delle domande di riconoscimento del credito potrà avvenire a partire dal 16.11.2016 attraverso una opportuna procedura informatica. Il riconoscimento del credito avverrà secondo l’ordine di presentazione delle domande fino ad esaurimento del limite complessivo di € 17 mln

NOTE: L’agevolazione viene erogate in regime di De-Minimis e non cumulabile per le medesime voci di spesa con altre agevolazioni previsti dalla legislazione nazionale (es. ISI INAIL AMIANTO).

 

AUTOTRASPORTI – Agevolazione in vista

Ø AREA GEOGRAFICA: Territorio Italiano.

Ø BENEFICIARI: beneficio delle imprese di autotrasporto di merci per conto di terzi attive sul territorio italiano, regolarmente  iscritte al registro elettronico nazionale e all'Albo degli  autotrasportatori di  cose  per  conto  di  terzi.

Ø ATTIVITA AMMISSIBILI: Si veda la ripartizione sotto, nei limiti della dotazione complessiva di  € 25 mln

Ø SPESE AMMISSIBILI: spese effettuata dopo il 15/09/2016 aventi le seguenti caratteristiche:

a) 7 milioni di euro per acquisizione, anche  mediante  locazione finanziaria, di autoveicoli, nuovi di fabbrica, adibiti al  trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore  a  3,5 tonnellate  a  trazione  alternativa  a  metano  CNG,  gas   naturale liquefatto LNG e elettrica (Full Electric);

b) 6,5 milioni di euro per  radiazione  per  rottamazione  o  per esportazione al di  fuori  del  territorio  dell'Unione  europea,  di veicoli pesanti di massa complessiva a pieno carico pari o  superiore a 11,5 tonnellate, con contestuale acquisizione di veicoli  nuovi  di fabbrica conformi alla normativa euro VI di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate;

c) 9 milioni di euro per acquisizione  anche  mediante  locazione finanziaria, di rimorchi e semirimorchi, nuovi di  fabbrica,  per  il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC  596-5 e  per  il  trasporto  combinato  marittimo  dotati  di  ganci   nave rispondenti alla normativa  IMO,  dotati  di  dispositivi  innovativi volti a conseguire maggiori standard di  sicurezza  e  di  efficienza energetica;

d) 2,5  milioni di  euro  per  l'acquisizione,  anche  mediante locazione finanziaria, di casse  mobili  e  rimorchi  o  semirimorchi portacasse,  cosi'  da  facilitare  l'utilizzazione   di   differenti modalita' di trasporto in combinazione fra loro, senza alcuna rottura di carico.

Nota: Importo massimo ammissibile € 600.000,00 per ciascuna impresa.

Ø AGEVOLAZIONE: i contributi varieranno in funzione della tipologia di spese ammessa come segue:

a) € 3.500 per ogni  veicolo  CNG  e  in  € 10.000  per  ogni  veicolo  elettrico (se compresi tra 3,5 e 7 Ton) - € 8.000 per ogni  veicolo  CNG  e  in  € 20.000  per  ogni  veicolo  elettrico (se  superiori a 7 Ton).

b) € 7.000 per l’acquisto di ogni veicolo nuovo a cui corrisponda la contestuale rottamazione di uno vecchio.

c) 10 % per le Medie Imprese e 20 % per le Piccole Imprese con un massimo di  € 5000,00 a semirimorchio. € 1500 per le grandi imprese.

d) € 8.500 per l'acquisto di ciascun insieme di 8 casse e 1 rimorchio o semirimorchio

AVVIO: compilazione telematica della domanda dal 15/10/2015 in poi.
 
NEWS N° 359 OTTOBRE 2016 – DAL COLLEGATO AGRICOLTURA NOVITA’ PER SFALCI E POTATURE PDF Stampa E-mail


Per informazioni rivolgersi a: dott.sa Messori Silvia ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo )

Reggio Emilia, 13 Ottobre 2016

Con l’entrata in vigore della L. n. 154 del 28/07/16 (c.d. Collegato Agricoltura) si amplia l’ambito dell’esclusione dall'applicazione della normativa sui rifiuti per quanto riguarda gli sfalci e le potature. L’esclusione si applica ora se tale materiale deriva, oltre che da attività agricole, anche da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; la destinazione deve essere l’utilizzo in agricoltura, zootecnia, silvicoltura o per la produzione di energia, ora anche al di fuori del luogo di produzione ovvero con cessione a terzi.

La Legge 154/16 norma inoltre l'attività di manutenzione del verde, che può essere esercitata dagli iscritti al Registro ufficiale dei  produttori (RUP di  cui all'art. 20 D.Lgs. 214/05) oppure  da  imprese che abbiano conseguito un attestato di  idoneità; le regioni devono disciplinare le modalità per l'effettuazione dei corsi di formazione ai fini dell'ottenimento di tale attestato.

ATS-Consulenti Associati è a disposizione per una eventuale assistenza in merito alla corretta gestione di sfalci, potature e altri materiali di origine agricola o forestale, alla luce delle novità normative intercorse per l’intera filiera dal produttore al gestore di tali materiali.

 
NEWS N° 358 SETTEMBRE 2016 – LEGGE ‘’ANTISPRECO’’ – NOVITA’ PER ECCEDENZE ALIMENTARI, ABBIGLIAMENTO, MEDICINALI PDF Stampa E-mail


Per informazioni rivolgersi a: dott.ssa Messori Silvia ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo )

Reggio Emilia, 30 Settembre 2016

La nuova Legge “Antispreco” n. 166 del 19/08/16, in vigore dal 14/09/16, contiene disposizioni relativi alla donazione di prodotti alimentari a fini di solidarietà sociale.

La legge persegue la realizzazione di due obiettivi prioritari: favorire la donazione delle eccedenze alimentari a fini di solidarietà sociale e contribuire alla limitazione degli impatti negativi sull'ambiente mediante la riduzione della produzione di rifiuti.

Vengono dettate varie misure di semplificazione e promozione della cessione gratuita delle eccedenze alimentari, prioritariamente volte all’alimentazione umana di persone indigenti e, qualora non idonee, all’alimentazione di animali e al compostaggio.

Oltre a misure fiscali di sostegno alle iniziative di donazione, viene indicata la possibilità di riduzione da parte dei Comuni della tariffa sui rifiuti (TARI) per quelle utenze non domestiche che producono o distribuiscono beni alimentari, e che a titolo gratuito cedono tali beni agli indigenti o per l'alimentazione animale; il coefficiente di riduzione della tariffa sarà proporzionale alla quantità, debitamente certificata, dei beni e dei prodotti ritirati dalla vendita e oggetto di donazione.

Vengono inoltre introdotte nuove agevolazioni relative alle donazioni di prodotti farmaceutici e al trattamento di articoli di abbigliamento usati.

ATS-Consulenti Associati è a disposizione per una eventuale assistenza in merito alle agevolazioni previste dalla nuova normativa, nonché per le modalità di rendicontazione ai fini della riduzione TARI.
 
NEWS N° 357 LUGLIO 2016 – CORSI DI FORMAZIONE SICUREZZA SUL LAVORO IN PROGRAMMA NELLE PROSSIME SETTIMANE PDF Stampa E-mail

 

Per informazioni rivolgersi a: Marco Cremaschi  ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo )

Reggio Emilia, 11 Luglio 2016

Vi informiamo che sono in partenza nei prossimi giorni i nuovi corsi di formazione obbligatori in materia di sicurezza sul lavoro ed in particolare:

CORSO PER NEO ASSUNTITUTTI I LAVORATORI ASSUNTI DOPO IL 26 GENNAIO 2012 HANNO L’OBBLIGO DI SVOLGERE UN CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICO, ENTRO 60 gg DALLA DATA DI ASSUNZIONE

• CORSO PER ADDETTI PRONTO SOCCORSO

• CORSO PER ADDETTI PREVENZIONE INCENDI

• CORSO PER CARRELLI ELEVATORI

• CORSO AGGIORNAMENTO RLS

• CORSO PER PREPOSTI

Per la mancata formazione dei propri lavoratori sono  previste, ai sensi art. 55 comma 5 lett c) D.lgs 81/2008, le seguenti sanzioni a carico del datore di lavoro: arresto da due a quattro mesi o ammenda da 1.315 a 17.097 euro

Per qualsiasi informazione su date, orari, costi, argomenti,  programmi ministeriali e iscrizioni potete visitare l’area corsi.